You are here
Home > Featured > Settepersette: altri sette libri per l’estate.

Settepersette: altri sette libri per l’estate.

di Lucrezia Alessia Ricciardi

Estate, Settimana Enigmistica e libro insieme nella borsa che si riempie di sabbia. Il libro feticcio, quello che ti porti appresso, leggi un poco alla volta, che hai preso in libreria o magari in Autogrill. Poca è la differenza, in estate si legge di più e me ne accorgo anche dalla folla di persone che la prima domenica del mese, durante il Mercatino della Memoria, si accalca al banco di Stefano, il mio spacciatore ufficiale di libri di seconda mano. E c’è anche chi compra il libro della verità di Anna Maria Franzoni (e vi giuro che c’è e lo ha scritto a quattro mani con Gennaro De Stefano edito da Piemme).

Lo Zen e l’arte della manutenzione della motocicletta – Robert M. Pirsing

“Benché guidare una motocicletta sia romantico, occuparsi della sua manutenzione è decisamente classico”,  scrive Pirsing in questo libro che ha segnato un’epoca e ispirato La Guida Galattica per autostoppisti di Douglas Adams. È un viaggio fisico, dal Minnesota alla California, e nell’esplorazione dell’Io primitivo, Fedro, che soppresso con l’elettroshock, torna a riemergere. Ricerca moderna che delinea la Metafisica della Qualità, il libro riesce ad essere modernissimo e di ispirazione nonostante abbia sulle spalle 43 anni dalla sua prima pubblicazione (in Italia arrivò solo nel 1981). Da rileggere durante un viaggio on the road.

Piccole donne – Luoisa May Alcott

Adattamenti cinematografici, cartoni animati.. chi non ha mai visto qualcosa che raccontasse il libro piuù celebre di questa autrice? e chi non si è mai immedesimata in Jo o Meg, in Amy o in Beth? Chi non ha mai sognato di essere una delle sorelle March e non ha mai cantato Tutte per una, una per tutte sigla del cartone animato cantata da Cristina D’Avena? Ma Piccole Donne è anche altro: racconta la storia di 4 sorelle che fra loro non possono essere che diverse, sullo sfondo la Guerra di Secessione americana e un tempo da riempire senza Tv e Social Network. Nonostante le mancanze moderne, le sorelle March riescono a fare tantissime cose e viverle appieno nella loro lentezza che si trasforma in pienezza. Un libro da recuperare nella sezione bambini della Feltrinelli (con moltissime edizioni, economiche e illustrate se proprio volete) che però va bene anche per una piccola donna, di qualsiasi età.

L’Allieva – Alessia Gazzola

La Rai ne ha fatto una fiction, i libri sono scritti in maniera diligente da Alessia Gazzola, medico legale davvero che in molti conoscono per Non è la fine del Mondo (Feltrinelli, 2016).  L’Allieva è il primo capitolo di una serie in cui Alice Allevi sarà ognuna di voi. Vive in una microcasa romana, fa il medico legale, è insicura e ha una passione per le scarpe. Si, potete dire che è un cliché, di quelli di livello zero. Eppure è facilissimo immedesimarsi in questa donna fragile, che ama, ammira e cerca di capire Claudio Conforti, il suo capo. Nel frattempo incontra Arthur che è uno spirito libero, se ne innamora e lo perde. Alice è come noi, insicura, fragile, alla ricerca del suo posto. E piano, nei libri, inizia a trovare il suo posto e ci vive. Come noi.

Favole al telefono – Gianni Rodari

“Il sole si tuffò allegramente nel mare”, scrive Gianni Rodari, raccontando la favola del Sole che regalava i suoi raggi a chiunque e la sera, quando si tuffa nel mare, li conta e non ne ha sprecato nemmeno uno. Oppure chi non ricorda Giovannino Perdigiorno, Alice Cascherina, Pulcinella e tutte le anacronistiche storie che Rodari inventa, storie che si leggono in tempi brevi, buoni anche per un messaggio vocale di WhatsApp. Il bello di Rodari è che si può leggere ad ogni età, in ogni stagione. Si puoò leggere per noi o leggere a figli e nipoti. Ho scelto l’edizione con i disegni di Bruno Munari perché sono gli unici che possono affiancare le storie leggere di Rodari.

La dieta SmartFood – Eliana Liotta

È stato un vero caso editoriale, tanto da finire nell’edizione Vintage di Rizzoli. Centomila copie in Italia, tradotto in otto lingue e appoggiato da studi scientifici dello IEO (per farvi capire, il gioiello nato dalla caparbietà di Umberto Veronesi). L’estate si sa è abbinato a parole come “prova costume” “chili in eccesso”, “detox”, ossia quel periodo in cui la maggior parte di noi si scoraggia quando passa davanti la vetrina di Calzedonia. Non troverete sistemi restrittivi che vi promettono che se vi ingozzate di bistecche perché avete il gruppo sanguigno giusto perderete un sacco di peso. Non c’è Lemme che vi molla la pasta a colazione. C’è un sistema che vi spiega perché se mangiate troppo, male, grasso, i vostri geni invecchiano e modificate il DNA. Vi si parla di cibi Smart, di cibi che aumentano la longevità e che vi faranno ammalare meno. Ma non troverete i taco di lattuga con noci e avocado che ancor prima di farli già vi siete rotte. Vi si dice solo che invece di mangiare 150 grammi di pasta, potreste iniziare con la verdura. Tanta verdura. E che i legumi sono meglio del prosciutto crudo. Ed è l’unico libro che nonostante contenga la parola dieta nel titolo vi dice di mangiare il cioccolato. Perché dovete nutrirvi, mica soffrire.

Kitchen Social Club – Don Pasta

Il sottotitolo recita Manifesto dei cuochi, del cibo, delle cucine sociali e popolari. Storie & Ricette ed è un libretto edito da Altraeconomia. L’Autore è Don Pasta, a.k.a Daniele De Michele autore di Artusi Remix. Secondo il New York Times è uno dei più inventivi attivisti del cibo che ha deciso di raccontarci di pesca etica, di G.A.S (gruppi acquisto solidali) e di vini antichi e legumi ritrovati. Il valore del cibo consumato con consapevolezza è qualcosa che i consumatori, spesso, perdono. La massificazione degli ipermercati allontana dalla genuinità e molto di quello che viene passato per Bio è ben lontano dall’esserlo. Fra le scoperte della nostra penisola e le ricette, ne esce fuori un manifesto che unisce tutti, buongustai e consumatori perché “far da mangiare è un atto di militanza” che inizia dal pane e dagli gnocchi,  finisce con la canapa, passa per zafferano e minestra maritata.

E poi eccolo qua: quel libro che prendo da Amazon e cancello l’ordine vergognandomene. Il libro che leggo mentre sono in piscina, alle Terme, fra bambini urlanti, taralli e acqua solfurea. Il romanzo stile Harmony, che mia mamma si portava nelle lunghe ferie imposte a casa dei nonni, quando Telese non era così come la si vede ora, i libri scaccianoia, scritti talmente semplici che anche il cervello si metteva in modalità relax. E quindi eccolo, il titolo del pornazzo che anche io leggo perché diciamolo: dopo 50 Sfumature di grigio, la serie completa, ho perso la dignità e c’è gente che ancora mi prende in giro.

The Protector – Jodi Ellen Malpas

411 pagine di pura ovvietà: lui è affetto da disturbo post traumatico, ha una marea di segreti compreso una figlia, una ex moglie – morta ovvio – alto muscoloso e ovviamente talmente dotato che Rocco Siffredi in confronto è un normodotato. Descrivere le acrobazie porno senza cadere nel pecoreccio è davvero difficile, questi contorcimenti spesso sono davvero degni del Circo Togni. In ogni caso lo schema è sempre quello. Tormento, Felicità, Tragedia, Morte Sfiorata, Brillocco al Dito. Avete presente Guardia del corpo, indimenticato film degli anni ’90 con la povera Whitney Houston e Kevin Costner? Ecco, già dalla copertina, un chiaro richiamo, avete chiara la storia e pure il finale. Lei bionda, bella, vip, capace di fare una marea di guai, ex fidanzato sbagliato al seguito, poi arrivano salvataggi, scontri, rapimenti, qualche battuta sarcastica che vuole dimostrare l’intelligenza che non ci sta. In più sono tutti ricchi. In questo caso lei, negli altri libri della Malpas il Lui del caso, sempre tormentati (essì ne ho letti altri, nelle ultime due estati). Ecco, se siete cresciute con Cioè e con Beverly Hills 90210 e vostra nonna vedeva Biutifulle e Brukke e Rigge erano diventati due di famiglia,  questi libri avranno l’effetto narcotico, e se anche perderete il filo, nulla  cambierà. Ma se volete staccare il cervello, si. Ovviamente ve lo consiglio in formato e-book, perché come dice la mia amica Alle, ho una reputazione da mantenere.

Rispondi

Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi