You are here
Home > Cinema > SettePerSette: Hollywood, fama, gloria e rivalità. (di quelle leggendarie)

SettePerSette: Hollywood, fama, gloria e rivalità. (di quelle leggendarie)

di Ilaria Minghetti

Hollywood si sa, non è un luogo per anime candide. Conquistarsi un posto fra le stelle richiede talento si, restarci forza di volontà, carattere e decisamente pochi scrupoli. La storia dice che per una star pronta a brillare ne abbiamo subito un’altra disposta a fregarle la ribalta e dietro grandi sorrisi spesso si nascondono rivalità feroci.

Tra le più celebri possiamo annoverare

Bette Davis e Joan Crawford forse la più leggendaria delle rivalità hollywoodiane, protagonista anche della prima stagione della serie “Feud” di Ryan Murphy.L’odio tra le due è andato avanti per decenni per motivi, pare, sentimentali. Bette era gelosa della storia tra la Crawford e Clark Gable, ma sarà l’attore Franchot Tone a scatenare l’odio reciproco; la Davis girerò un film con lui innamorandosene, la Crawford glielo rubò sposandolo poco dopo. Le due condivisero anche il set nel capolavoro “Che fine ha fatto Baby Jane”, rendendo le riprese un vero e proprio incubo.

Olivia de Havilland e Joan Fontaine fratelli, anzi in questo caso bisogna dire sorelle-coltelli. La rivalità fra le due attrici iniziò da bambine ed è durata per tutta la vita, diventando particolarmente aspra quando entrambe vennero nominate agli Oscar nel 1942; vinse la Fontaine, la De Havilland, ovviamente, la prese malissimo. Mantennero comunque una sorta di legame fino al 1975, anno della morte della madre; la Fontaine, che allora era all’estero, dichiarò che la sorella non si preoccupò di avvisarla del funerale, la De Havilland rispose di averla invitata ma Joan rifiutò perché troppo impegnata. La verità non venne mai a galla ma questo diverbio segnò la fine di ogni rapporto; le due sorelle non si parlarono mai più.

Marilyn Monroe e Laurence Olivier attore incommensurabile, Olivier aveva la fama di essere arrogante ed indisponente, capace di irritare tutti quelli che lavoravano con lui. Quando si trovò a lavorare com Marilyn, già di per sé abbastanza problematica, infierì senza pietà. Sul set de “Il principe e la ballerina” mise in discussione le sue capacità di attrice, apostrofandola spesso con epiteti non proprio galanti. Da lì nacque  un disprezzo reciproco che non passò mai.

Elizabeth Taylor e Debby Reynolds la Reynolds era sposata con Eddie Fisher ed Elizabeth Taylor, all’inizio grande amica della Reynolds, frequentava regolarmente la coppia. Nel 1959, dopo 5 anni di matrimonio, Fisher chiede il divorzio e scoppia lo scandalo.Lui e la Taylor avevano una relazione. I due si sposarono per poi divorziare nel 1964 ( a causa del folgorante incontro sul set di Cleopatra con Richard Burton). I rapporti con Debby Reynolds si riallacciarono soltanto in età avanzata quando le due dive ripresero a frequentarsi assiduamente.

Marlon Brando e Frank Sinatra  Sinatra voleva a tutti i costi la parte di Malloy in “Fronte del Porto”; il ruolo andò invece a Brando, che vinse pure l’Oscar.Sinatra ci rimase ovviamente malissimo.I due si ritrovarono sul set di “Bulli e pupe” dove Brando ottenne, di nuovo, la parte desiderata da Sinatra. I rapporti furono gelidi per tutta la durata delle riprese, e Brando si divertì a sfiancare Sinatra, abituato a un solo ciak, facendogli ripetere le scene innumerevoli volte. La leggenda narra come verso la fine Brando ricevette la visita di due malavitosi, le amicizie di Sinatra erano piuttosto discutibili, che lo “convinsero” a lasciare in pace il collega.

Se la Hollywood dei tempi d’oro ci ha regalato scontri leggendari, anche oggi ovviamente i cronisti di gossip hanno spesso di che sbizzarrirsi; lasciando stare l’ormai  celeberrima, e conclusasi per la verità già da un po’, Aniston-Jolie, e Paltrow contro quasi tutti, pare che Gwyneth abbia un carattere assai difficile, forse dovrebbe mangiare un po’ di più, tra le vere o non vere che siano ve ne racconto un paio.

Anne Hathaway e James Franco i due hanno condotto insieme la Notte degli Oscar 2011; alla fin della serata, non propriamente memorabile per la verità, sui tabloid uscirono aspre critiche di lui nei confronti di lei, da allora pare che i rapporti tra i due siano piuttosto tesi.

Altro momento “glorioso” fu la litigata tra Michael Bay e Megan Fox l’attrice, non esattamente Greta Garbo, definì il regista, non proprio Fellini,  una specie di Hitler, per questo venne sostituita nella saga di Transformers e finì in mezzo alle Tartarughe Ninja.

Nulla a che vedere con le epocali battaglie della Hollywood che tanti capolavori ci ha regalato quindi, perché forse oggi, talento o meno, un effimero momento di gloria non lo si nega quasi a nessuno..

Rispondi

Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi