You are here
Home > Featured > Libertà [Li·ber·tà] sost. femminile

Libertà [Li·ber·tà] sost. femminile

Condizione di chi può agire senza costrizioni di qualsiasi genere. Estens: Assenza di impedimenti, obblighi, impegni.
Autonomia nel pensiero e nell’azione.

E’ il novembre del 1989 e il muro di Berlino è appena caduto, questo ragazzo festeggia la libertà ritrovata.

Quando abbiamo scelto la Libertà come tema per il mese di Maggio, non mi sono resa conto di quanto complesso potesse essere riuscire a definire obiettivi e confini e di quanto contraddittorio potesse diventare.

Perché la libertà è un’arma a doppio taglio.

Molto spesso si combatte per conquistarla ma non si è in grado di gestirla, perché non ci è stato insegnato.

Indro Montanelli diceva in Italia esiste la libertà di stampa ma che i giornalisti non sono
abituati a usarla, perché troppo schiavi del sistema partitico che tiene in pugno la stampa.

E adesso che c’è Internet e la libera circolazione di notizie dovrebbe garantire la libertà d’espressione siamo
tutti schiavi del numero di click, sempre sotto quella spada di Damocle chiamata utente unico, e siamo pronti
a sacrificare l’integrità barattandola con notizie di facile presa, che garantiscano la pagnotta a fine serata.

La troppa libertà ci ha resi schiavi.

Come spesso accade, siamo solo passati da un padrone a un altro.

Eppure, nonostante il triste ricorso storico, continuiamo a cercarla la libertà.

Per me, nel tempo, è stato scrollarmi di dosso le certezze, le appartenenze, anche una parte d’identità.
Lasciare indietro credi religiosi, politici, persino calcistici, diventare un terreno di passaggio di opportunità.

Cosa ci rende liberi se non la capacità di non incastrare la mente in nessun confine, in nessun ricatto, in nessuna necessità?

Questo giornale è ancora un lavori in corso e ci piace pensare che sarà sempre così.
Un laboratorio in cui le idee, le persone, le cose da raccontare cambino continuamente.

E anche la scelta del tema della libertà vogliamo che non abbia progettazione, vogliamo lasciarcene sorprendere persino noi, da un’idea all’altra, nei mille modi in cui l’arte riesce davvero a renderci liberi prima attraverso il pensiero e poi attraverso il talento.

Ho scelto questa foto perché rappresenta l’ebbrezza della libertà, senza compromessi, senza cedimenti, senza paura.

Dovremmo provare tutti, almeno una volta, a stare a cavalcioni su quel muro.

Rispondi

Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi