You are here
Home > Book > SettePerSette. Quando ho detto addio al pollo alla brace e ho scoperto il tofu. Piccola guida di sopravvivenza vegana.

SettePerSette. Quando ho detto addio al pollo alla brace e ho scoperto il tofu. Piccola guida di sopravvivenza vegana.

*Una mattina romana di marzo, molto fredda, con il cielo pulito e azzurro, mentre  a Villa Medici  Adel Abdessemed girava il video performance “Dio”, la sottoscritta decideva di non mangiare più il pollo. É stato più o meno a pagina 100 del primo libro di questa lista. SettePerSette dedicato al cambiamento dello stile alimentare, un viaggio fra ricette e tesi scientifiche sperimentato in prima persona da me in questi sette anni di vegetarianesimo consapevole.

di Lucrezia Alessia Ricciardi


Se niente importa. Perché mangiamo gli animali, Jonathan Safran Foer, ed. Guanda: si parte dalla concezione di cibo come nutrimento per arrivare alla consapevolezza che il cibo, oggi, è spersonalizzato dal ciò che veramente è. Una vita. Il trattamento riservato agli animali è spesso crudele e ha conseguenze atroci su di noi e sulla nostra salute. Cosa quindi trasmettere ai nostri figli? continuare a non avere consapevolezza di quello che mangiamo, dove ci porterà?

Perché leggerlo: questo libro è l’inizio del mio percorso verso un consumo etico del cibo. Iniziavo ad andare a fare la spesa e capire che quello che prendevo già confezionato realmente faceva parte di un processo che non era né etico né ecologico.


La Dieta di Eva – come disobbedire in cucina e guadagnarsi il Paradiso
(La salute di Eva e Le tentazioni di Eva, se volete averli tutti), Aida Vittoria Eltanin, Edizioni Cosmopolis. Aida – o Eva – è una fruttariana – si, avete letto bene – che propone una scelta sicuramente difficile, ossia quella vegana-crudista-fruttariana, che non è sicuramente facile e che l’autrice riesce a presentare senza drammi, senza misticismi e fanatismi e soprattutto con la grandissima e vastissima presentazione di tesi e studi scientifici solidi. La salute di Eva è un bellissimo libro che analizza la connessione fra cibo industriale e malessere, ricco di testimonianze e di casi clinici, dedicato tutto alle donne, mentre Le tentazioni di Eva raccoglie tantissime ricette, davvero alla portata di tutti (la bontà delle lasagne di pane carasau sono buonissime!)

Perché leggerlo: Aida è una vegana al cubo, tosta, dura e senza peli sulla lingua. Con questo libro osa davvero molto e dedica alle donne un libro pieno di informazioni, di cose che nessun medico mai vi ha detto. É un nuovo punto di vista, sicuramente da leggere per stare bene, in maniera olistica e consapevole. (Ad esempio lo sapevate quando incidono gli zuccheri sul vostro umore?)

Autoproduzione in Cucina. Fai da te tutto quello che di solito acquisti. di Lisa Canali, ed. Gribaudo.
Lisa Canali è celebre per un libro sulla cottura in lavastoviglie  – si, si può fare – e per essere una donna che odia gli sprechi. Se come la sottoscritta avete manie da formica e comprate come le tipe di “Pazze per la spesa”, lei vi potrà aiutare ad evitare di buttare chili di roba che avete comprato – inutilmente – e che ora state buttando e vi sentite nella testa quella vocina che vi dice ….pensa ai bambini in Africa. Con una spesa minima potete prendere un mulino da casa (si, quello per macinare i cereali) un essiccatore, e un’acetiera e iniziare a farvi da voi dal pane alla pasta, comprese le galatine e i sofficini.
Funziona, ci vuole molta organizzazione. Ma vi assicuro che rivoluzionerà il vostro concetto di dispensa e non butterete più il pane avanzato.

Perché leggerlo: la massificazione della produzione industriale contro il ritorno al controllo del “cosa sto mangiando”. La cucina diventa un micromondo in cui tutto viene prodotto da zero e da noi, un’altra forma di consumo etico e consapevole.

Più ricette sane, Meno ricette mediche – MiPiaceMiFaBene;-) di Federica Gif , Macro Edizioni. Federica è un’esperta di cucina naturale e attacca subito potentemente con un’intervista al Prof. Franco Berrino,  Medico Epidemiologo e Direttore del Dipartimento di Medicina preventiva e predittiva dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano, dove si parla di sana e corretta alimentazione, di scelte da fare e di come fare la spesa. È un libro che segue le stagioni e che parla di cose semplici e buone (da provare le piadine alla farina di ceci..) che fanno bene. A noi, all’ambiente, all’umore…

Perché leggerlo: Federica – che  nel 2014 vince il premio come Miglior Green Food-Blog ai Food-Blog Awards – ha un approccio molto italiano alla cucina vegana. Tutto molto semplice, molto quotidiano, molto fattibile. Utilissima la sezione “quello che non deve mai mancare in cucina” che aiuta ad organizzare la dispensa senza farsi cogliere dalle crisi di panico.

Mangiar sano e naturale con alimenti vegetali integrali di Michele Riefoli, Macro Edizioni. È un testo complesso, scientifico che punta a spiegare come mangiare in maniera consapevole ed ecologica e migliorare la salute, nostra e del mondo. Da tenere sullo scaffale accanto a The China Study di T. Colin Campbell.

Perché leggerlo: perché non bastano i libri di ricette, ci vuole anche una solida base scientifica. Questo libro, diverso dal più diffuso The China Study, spiega in maniera enciclopedica come ogni alimento interagisce, modifica e apporta al nostro corpo un qualcosa che scatena un rapporto di causa/effetto. Si può leggere tutto insieme o fare come me, consultarlo spesso.

Uno CookBook – Fuori Orario. Ricette 100% veg per la colazione, per il brunch, per la merenda, e per lo spuntino di mezzanotte. Manuel Marcuccio, Eifis Editore. Manuel mi ha svelato dove comprare tantissime spezie a Milano e di questo non lo ringrazierò mai abbastanza. Sono una di quelle a cui piace tantissimo fare colazione e passare dalla colazione al Brunch senza soluzione di continuità. Oltre le bellissime foto e i racconti che rendono questo libro speciale, vi dico solo che la mia ricetta preferita è quella dei Bagel, creano dipendenza.

Perché leggerlo: Manuel Marcuccio è passato dall’essere onnivoro a vegano con una delicatezza incredibile e soprattutto senza rinunciare alle cose che gli piacciono. Lo scrive, lo dimostra, te lo fa fare. Da prendere anche il suo primo libro Uno CookBook, sempre della stessa casa editrice.

Deliciously Ella. Semplicemente Green. Ella Mills, Vallardi Editore. Ella scopre di avere una malattia con un nome quasi comico, la POTS (sindrome da tachicardia posturale ortostatica) e inizia a prendere consapevolezza che il pasticcio di cioccolata e marshmallows non era una cosa buona. Inizia a mangiare sempre più verdura e sta bene. Nasce così un blog in cui raccoglie moltissime ricette che sono riuscite a conciliare il gluten free, il veganesimo e il crudismo senza far uscire matto il lettore alla terza ricetta. Ottima la parte introduttiva con il “quello che vi serve”, consiglio vivamente di perdere 15 minuti del vostro tempo per fare il burro di mandorle (che finirete a spargere dovunque), le frittelle di quinoa alla curcuma e lo smoothie mango, kiwi e zenzero. Per la polvere di cacao crudo e il chilozzo di mandorle Amazon vi verrà incontro in 24 ore, perfetto come sempre.

Perché leggerlo: perché gluten free, Vegan, Raw sono tre bestemmie per il 90% degli onnivori. Ella li concilia e tutto diventa semplice, basta un frullatore di 1800 Watt (ma anche meno) qualche tazza e una piccola dose di esperienza in cucina. Non è facile ma possibile, anzi, fattibile. 

Rispondi

Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi